Gli Avventisti e i diritti dell’uomo

La difesa dei diritti umani è una preoccupazione costante della Chiesa Cristiana Avventista. Essa è sorta come chiesa libera e si adopera perché tutti, credenti e non, possano godere della più ampia libertà di religione e di convinzione.

Perciò ha creato il Dipartimento della Libertà Religiosa, che opera a livello locale, nazionale, regionale e mondiale. Inoltre, ha dato vita a due organismi internazionali che operano presso l’Onu: l’Irla (International Religious Liberty Association – www.irla.org) e l’Aidlr (Associazione Internazionale per la Difesa della Libertà Religiosa – www.aidlr.org e www.aidlr.it), quest’ultima riconosciuta anche presso il Consiglio d’Europa.

La Chiesa Avventista ha una precisa identità, ma non ritiene che i suoi membri siano gli unici ad avere accesso alla salvezza. Infatti, crede che ogni organizzazione che “presenta il Cristo agli uomini è parte del piano divino per l’evangelizzazione del mondo”.

Per questo motivo, pur senza scendere a compromessi con quello che crede profondamente, collabora al massimo con altre confessioni religiose e organizzazioni laiche in programmi utili per la società.